A.A. 2017-2018

 

051495 – LABORATORIO DI URBANISTICA [ Sezione D]

 

Obiettivi formativi

Il Laboratorio propone una lettura critica delle correnti categorie quali “rural-urban”, “sprawl”, “zwischenstadt”, “postmetropoli” e una tematizzazione problematica delle forme urbane attuali della regione urbana milanese. L’obiettivo è quello di coniugare la riflessione teorica sulla produzione dello spazio urbano con la definizione e l’uso di strumenti disciplinari appropriati; il progetto urbanistico ne costituisce il momento di verifica finale.

Contenuti dell’insegnamento

Si affronta un lavoro di ricerca e progetto sulla Città Metropolitana milanese, non limitandosi ai confini amministrativi, ma guardando alle diverse scale delle fenomeniche in atto. In particolare, si vuole mettere in gioco il concetto consolidato di “periferia” legato alla mera distanza dal centro, considerando piuttosto la complessità delle dinamiche spaziali e sociali che ne determinano oggi la marginalità. Tale condizione si manifesta sotto forma di degrado fisico, di carenza di dotazioni infrastrutturali e attrezzature collettive, di conflitti tra gruppi sociali ed etnici.

Il Laboratorio mira anche a dare consapevolezza dei limiti e delle contraddizioni degli strumenti disciplinari di fronte agli scenari attuali, al necessario dialogo con altri saperi, ma allo stesso tempo si impegna in una “sperimentazione operativa” con strumenti propri, sia di carattere procedurale (norme) che progettuale (manufatti).

Struttura didattica

Il lavoro sarà articolato in tre fasi principali: impostazione e rilievo sul campo; definizione delle strategie e coerenza con obiettivi generali; verifiche progettuali puntuali riferite sia allo spazio che alle dotazioni pubbliche.

Il prodotto sarà un “numero unico”, in formato tabloid, di presentazione dei lavori, con una struttura ed indice coerenti; sarà, dunque, parte integrante e fondamentale del lavoro richiesto, il coordinamento e confronto delle ipotesi di progetto all’interno di un percorso comune.

L’attività di Laboratorio si articola in lezioni, seminari e sperimentazione progettuale su specifici temi e contesti discussi con la docenza.

 

093829 – LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA 2 [ Sezione A]

 

Obiettivi formativi

Il Laboratorio approfondisce e mette a confronto la consolidata tradizione di ricerca sulle matrici policentriche europee con casi studio appartenenti a paesi emergenti e in via di sviluppo, sia nel bacino mediterraneo che nel contesto asiatico.

Vengono criticamente messe in gioco alcune correnti categorie, quali per esempio “green structures”, “rural-urban”, “sprawl”, “zwischenstadt” a partire dalla lettura dei caratteri originali dei contesti e dalla ridefinizione di parametri macrourbanistici complessi.

Contenuti dell’insegnamento

I fondamenti disciplinari si collocano nella tradizione dell’urbanistica degli interventi.

Da tale impostazione sono privilegiati – nella prassi – la gestione delle politiche d’intervento, in rapporto con l’irrinunciabile impegno a delineare attendibili scenari di programmazione territoriale ed economica. Le attività sono rivolte alla sperimentazione operativa del rapporto dialettico tra i punti di vista della progettazione urbanistica e quelli della progettazione architettonica. L’articolazione del Laboratorio concorre alla costruzione del progetto di attività, correlato da valutazioni economiche di fattibilità, del progetto di accessibilità verificato mediante gli strumenti della pianificazione dei trasporti, del progetto di paesaggio nell’accezione antropologica del termine.

Saranno sviluppati approfondimenti su:

  • parametri e strumenti di macrourbanistica;
  • strumenti di microurbanistica;
  • sistematizzazioni teoriche finalizzate ai contenuti della “prassi urbanistica”;
  • esperienze progettuali sui contesti individuati, alla scala urbana e macrourbanistica;
  • contenuti istituzionali e normativi implicati dall’operativo: (a) ricognizione critica sui modi e gli strumenti della pianificazione e della gestione urbanistica; (b) possibile incidenza della normativa urbanistica recente e sua attendibile evoluzione.

Fra i primi si evidenziano le implicazioni del disegno urbano e della pianificazione microurbanistica:

  • progetto di attività e proporzionamento funzionale;
  • soluzioni di rete e disegno viabilistico;
  • congruenza e regole nella rappresentazione cartografica e grafica;
  • disegno planivolumetrico (masterplan);

Fra i secondi si evidenziano le fenomeniche che fanno capo:

  • al formarsi delle armature urbane e degli insediamenti nella loro evoluzione storicamente determinata;
  • all’archiettura del paesaggio come prodotto di cultura materiale.

Struttura didattica

L’attività di Laboratorio si articola in lezioni, seminari e sperimentazione progettuale su specifici temi e contesti indicati dalla docenza e in coordinamento con i Laboratori di progettazione. Si rimanda la sito web http://www.empirismoeretico.it/ per la consultazione dei materiali didattici e dei progetti degli allievi.